Meditazione

Attraverso la meditazione il ricercatore ha l’opportunità di risvegliare e realizzare la propria essenza e di “approdare” nello stato che è alla fonte del corpo fisico e della mente, di raggiungere la propria coscienza individuale e, infine, di superarla raggiungendo la fonte stessa della Coscienza Infinita.

La Verità sul reale Sé e la questione della verità stessa però non può essere svelata completamente dalla meditazione, ma grazie ad essa è possibile raggiungere e soggiornare nello stato dove la meditazione non è più necessaria. La realizzazione che noi non siamo questi corpi fisici con una mente, che non siamo un conscio limitato, e che non siamo neppure la Coscienza onnicomprensiva si estingue anch’essa nella propria illusorietà rivelando lo stato (che non può essere descritto da concetti come essere, puro essere, totale consapevolezza o altro) del fermo e costante discernimento tra la Realtà del Sé e l’illusione di tutto ciò che non lo è.

Realtà

L’Unico Sé è l’unico che in Realtà esiste. Per “realtà” va inteso ciò che non muta, ciò che è al di là della mutevolezza delle espressioni e delle forme. La forma, l’espressione è quindi Illusione.

La fondamentale espressione del Sé è l’unicità della Coscienza di Sé. Essendo espressione, la Coscienza è pertanto illusione, l’illusione di Sé che si esprime.

Caratteristica fondamentale della Coscienza è quella di riferirsi al solo Sé. Questo “riferirsi” si tramuta anche nel Sapere di sé e di tutte le sue possibili espressioni. Questo si esprime a sua volta in ogni forma dell’essere, forme che sono tutte assolutamente uniche, una delle quali è proprio quella della così detta auto-coscienza dell’individuo.

L‘individualità è pertanto la diretta espressione dell’unicità della Coscienza del Sé. Per l’individuo scoprire e percorrere la via dell’unicità è la strada “più semplice” per realizzarla. Ciò è alla portata di ogni individuo poiché non richiede nessun tipo di talento, inclinazione o intelligenza specifica, non richiede la presa di vesti particolari, né di fare specifici voti, ma solo la volontà e la determinazione di seguire e scoprire l’innata esigenza interiore di realizzare se stesso. 

Conscio individuale e Conscio Realizzato

Il conscio individuale (l’individuo), non è una “parte” o un “segmento” della coscienza tutta (la Coscienza Divina) ma è un processo che esprime l’unità della Coscienza tutta con quelle proprie specifiche espressioni che favoriscono l’autocoscienza, ovvero l’unità con ogni singola mente e corpo. L’Unità della Coscienza con ogni mente e corpo permette l’unicità del Conscio ovvero dell’Individuo. Individuo significa individuarsi.

Il Conscio realizzato (il Conscio Maturo) è il processo che si è evoluto- trasformato in ciò che è sempre stato: Coscienza Divina – mente consapevole – corpo.

illusione

flowers-74889_960_720

Tutto l’esistere è fantasia e illusione. La materia è un’illusione dei sensi.  I sensi sono illusione per il pensiero. Il pensiero è un’illusione per l’intuizione. L’intuizione è un’illusione per il puro intelletto. Il puro intelletto è un’illusione per l’essere. L’essere è un’illusione della coscienza e la coscienza è il Creatore stesso, l’illusione suprema.

L’Unico Sé

L’Unico Sé è l’unico che in realtà esiste. Per “realtà” va inteso ciò che non muta, ciò che è al di là della mutevolezza delle espressioni e delle forme. La fondamentale espressione del Sé è l’unicità della Coscienza di Sé. Essendo espressione, la Coscienza è pertanto illusione, l’illusione di Sé che si esprime. Caratteristica fondamentale della Coscienza è quella di riferirsi al solo Sé che si tramuta anche nel Sapere di sé e delle proprie espressioni. Essa esprime tutto questo a sua volta in ogni sua forma dell’essere, che sono tutte assolutamente uniche, una delle quali è proprio quella della così detta auto-coscienza dell’individuo. L‘individualità è pertanto la diretta espressione dell’unicità della Coscienza del Sé. Per l’individuo scoprire e percorrere la via dell’unicità è la strada “più semplice” per realizzarla. Ciò è alla portata di ogni individuo poiché non richiede nessun tipo di talento, inclinazione o intelligenza specifica, non richiede la presa di vesti particolari, né di fare specifici voti, ma solo la volontà e la determinazione di seguire e scoprire l’innata esigenza interiore di realizzare se stesso. 

veloce come un lampo

Il Conscio è un processo che coinvolge la Coscienza e le sue espressioni (le Vibrazioni, le Energie e la materia), che a livello della Coscienza avviene appena come un lampo di auto-coscienza, in cui accadono simultanei tutto l’intero esistere e l’individuo, ma che al livello delle energie per la mente sembra succedere in un determinato tempo e spazio come conseguenza di accadimenti precedenti, come prologo di una storia futura. Il processo del Conscio non termina con la sua temporanea espressione fisica, questa lo definisce momentaneamente anche nel mondo della materia, ma si conclude con la sua maturazione in ogni suo livello di espressione. Esso termina nell’infinità unicità, stato in cui Coscienza e Conscio sono realizzati come indivisibilmente Uno riferito all’unico Sé. Uno stato in cui non esiste il senso di individualità relativa e che rende eterno nella Coscienza quel lampo di autocoscienza, sebbene la specifica forma mentale e fisica non sussistano più, sebbene non sia mai esistito un io nella Coscienza.