Benvenuto

Con questo sito cerco di raccogliere i punti fondamentali dell’esperienza maturata negli anni sulla “ricerca e realizzazione del Sé”, meglio conosciuta come auto-realizzazione. Proprio in questo senso intendo suggerire un approccio all’auto-indagine del tutto intuitivo e semplice, che a differenza degli altri metodi non abbisogna di ricercate conoscenze, sensibilità e nemmeno di particolari facoltà (normali o paranormali) poiché le trascende focalizzandosi su ciò che invece è il comune denominatore di ogni possibile ricerca e via spirituale, ovvero l’Unicità che le contiene e definisce. Nello specifico si tratta di richiamare ed indirizzare la propria attenzione, con la meditazione e la veglia consapevole, nello scoprire, maturare e realizzare completamente l’Unicità: delle cose, del momento, delle esperienze, del conscio, di ogni possibile esistenza, sino ad arrivare all’unicità della Coscienza del Sé. E’ un metodo che sviluppa un atteggiamento alla libertà privo di tutti quei concetti filosofici e di qualsivoglia ritualità e dogma religioso che generalmente caratterizzano tutta la c.d. “spiritualità”. I classici temi e teoremi mistici fanno riferimento alle diverse esperienze dei “relativamente pochi” profeti, maestri, saggi, santi, artisti, inventori, filosofi, che sono riusciti ad auto-realizzarsi e a diffondere il loro pensiero. Con il tempo queste esperienze individuali sono diventate oggetto di interesse, di studio e anche culto collettivo, divenendo religioni, filosofie, movimenti spirituali, tecniche di meditazione e metodi di insegnamento ed apprendimento. Per tradizione e per comodità sono considerate “verità universali”, ma per la quasi totalità degli individui rimangono perlopiù delle astrazioni, dei concetti e delle idealizzazioni, a cui “credere o non credere”, a cui associarsi o dissociarsi. Sebbene tutti questi concetti, credenze, rivelazioni contengano in sé comunque un grandissimo potere iniziatico e di ispirazione non sono anche esaustivi per ognuno. Per rendersene conto basta guardare quanti di tutti i fedeli, praticanti e seguaci, in effetti si realizzano. In genere viene spiegato che ciò dipende solo dal fatto che non tutti sono “pronti”, mentre affermo che ognuno è solo diverso. Tutto il “mondo spirituale” che ci ritroviamo in essere come background conscio e subconscio nasce da approcci individuali all’auto-realizzazione, non può essere altrimenti. Le varie diversità di religioni, filosofie, rituali, yoga e tecniche meditative dovrebbero proprio far riflettere l’individuo su questo principio fondamentale di unicità. In effetti non si tratta di scegliere una via o un insegnamento che si sente più consono o vicino, anche se agli inizi può essere utile nel proprio cammino. Non è nemmeno costruttivo e sufficiente, cercare di fondere il diverso sapere in un qualcosa di più accattivante e moderno. In buona sostanza non si tratta di dimostrare di essere più pronti, intelligenti e più profondi di altri, né tanto meno di abbracciare ciecamente un insegnamento, ma invero, nonostante tutte le proprie inclinazioni, si tratta di metterle completamente in discussione, che poi è l’unico modo di scoprire la nostra vera unicità, sino a rivelare la sua origine. Malgrado tutte le diverse esperienze costituiscano comunque una solida base di appoggio e di non ritorno nell’evoluzione dell’umanità e nonostante il conscio collettivo, che rappresenta il conscio di tutti gli individui compresi i due specifici genitori biologici, partecipi attivamente al concepimento e all’imprinting di quello individuale, il principio di similitudine che raccoglie tutti gli individui in un unico essere è, figurativamente, il penultimo gradino, o meglio la soglia, che introduce alla scoperta dell’unicità della Coscienza. Il criterio e la consapevolezza esistenziale di uguaglianza, per quanto vera e importante, non soddisfa ancora appieno l’unicità di fondo. Nulla per quanto simile può essere identico alla profonda ed esclusiva complessità, e alla sacra libertà che ne deriva, di ogni “nuovo” individuo, che è di fatto la vera “spiritualità” da realizzare.

Unicità è sinonimo di Coscienza dell’Unico.

Paradossalmente Unicità significa Unità, essa è infatti possibile ed individuabile (ovvero realizzabile) solo nell’Unità. Ciò vuol dire che per poter essere consapevolmente UNO bisogna maturare l’Unicità originale, maturare la Coscienza dell’Unico, dell’Unico senza Unicità (il Sé assoluto), e questo significa sganciarsi, liberarsi e trascendere anche l’illusione collettiva e non solo l’illusoria individualità.

cropped-logo-ac-andrea-casari-copia.jpg La Via dell’Unicità Copyright 2017 Andrea Casari tutti i diritti riservati