la chimica del conscio

thumbnail (4)

Se abbiamo ben compreso che il Conscio è la sola Entità-Essere esistente e il processo “metabolico” stesso dell’autocoscienza, ovvero l’insieme delle trasformazioni che si verificano nelle dimensioni che costituiscono l’intero “organismo” del Conscio, che ne garantiscono la conservazione, l’accrescimento e la realizzazione, risulta anche più chiaro che ego, io, identità, individualità, ecc., sono delle fasi e dei passaggi nello svolgersi del processo stesso ma non il risultato finale. Perciò prima di attribuire a questo processo in essere un chi o un cosa esso si riferisca è bene che questo sia compiuto, realizzato anche nel tempo-spazio, poiché il Conscio non è nessuno in particolare, e quel chi e quel cosa si riveleranno essere solo elementi temporanei della mente.

 

Vivere un giorno da leoni o cento da pecora

Anche se si vive ogni giorno come fosse l’ultimo non sarà mai quanto viversi ed essere come se il giorno e il tempo non fosse affatto.

Ma questo risulta difficile da capire ed impossibile da descrivere poiché significa lasciare a quel giorno anche la propria individualità.

Meglio un giorno da leone o cento da pecora? Meglio il viversi del saggio.

senza io si sta meglio

io-ed-ego

L’esprimersi del conscio non termina con la sua forma materiale, con il corpo fisico, ma si ottimizza e definisce con la sua realizzazione, ovvero con la maturazione consapevole dell’Unicità. L’equivalenza tra il conscio e la Coscienza manifesta del Sé sottintende l’equivalenza di unicità ed unità, di individuo e TUTTO.

A livello della Coscienza non c’è la mente e questo significa che non c’è nessun io che sperimenti la realizzazione. Nell’unità accade il processo di consapevolizzazione della mente ed ogni qualvolta il conscio vive lo stato di Unità la mente ritorna in attività sempre più consapevole. Con lo stato costante di Unità il processo di maturazione della mente diviene anch’esso costante.

Sembrerà difficile credere che non si possa esistere anche senza un “io”, sebbene questo inconsciamente accade molte volte durante ogni singolo giorno, il solo pensarci crea una ulteriore resistenza ed attaccamento ad esso. Trascendere l’io è una delle cose più difficili, è molto più facile inventarsene un’altro più sottile e sofisticato, ma quando sfuma veramente l’immedesimazione con esso questo scompare automaticamente e scompaiono anche tutte le possibili identificazioni e si rivela la vera Coscienza del Sé.

Ego

Che cos’è l’ego? Energia!

Come tutte le espressioni della mente, che è energia vitale ovvero energia del Sapere, dell’Amore e del Potere, anche l’ego è sostanzialmente una forma energetica, un riflesso energetico di ciò che in realtà è la coscienza di essere. Ad esso si appiccicano tutti gli altri pensieri ed esperienze rendendolo sempre più forte e presente e trasformandolo nel fulcro dell’azione mentale. Così come è possibile trasformare ogni pensiero in energia vitale, semplicemente meditando sulla sua esistenza, così è possibile farlo anche per l’ego. Poiché sappiamo di essere grazie alle indivisibili forme fondamentali della Coscienza: il Sapere di Essere, l’Amore di Essere e il Potere di Essere, l’ego di fatto è un intruso che ci sottrae energia e che confonde l’individuo a tal punto da porlo di fronte alla Coscienza come se questa fosse qualcosa diversa da lui, quando invece lo è l’ego stesso.